4° Quaresima/C (31-03-2019) – Cattedrale di San Lorenzo – Perugia – Chiamati alla santità (Papa Francesco, Gaudete et exsultate)

Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati

77. «Fame e sete» sono esperienze molto intense, perché rispondono a bisogni primari e sono legate all’istinto di sopravvivenza. Ci sono persone che con tale intensità aspirano alla giustizia e la cercano con un desiderio molto forte. Gesù dice che costoro saranno saziati, giacché presto o tardi la giustizia arriva, e noi possiamo collaborare perché sia possibile, anche se non sempre vediamo i risultati di questo impegno.78. Ma la giustizia che propone Gesù non è come quella che cerca il mondo, molte volte macchiata da interessi meschini, manipolata da un lato o dall’altro. La realtà ci mostra quanto sia facile entrare nelle combriccole della corruzione, far parte di quella politica quotidiana del “do perché mi diano”, in cui tutto è commercio. E quanta gente soffre per le ingiustizie, quanti restano ad osservare impotenti come gli altri si danno il cambio a spartirsi la torta della vita. Alcuni rinunciano a lottare per la vera giustizia e scelgono di salire sul carro del vincitore. Questo non ha nulla a che vedere con la fame e la sete di giustizia che Gesù elogia. 79. Tale giustizia incomincia a realizzarsi nella vita di ciascuno quando si è giusti nelle proprie decisioni, e si esprime poi nel cercare la giustizia per i poveri e i deboli..: «Cercate la giustizia, soccorrete l’oppresso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova» (Is1,17).

I santi della porta accanto

Aldo e Luigina Tiriduzzi hanno dilatato la loro vita di coppia, di famiglia e di scuola diventando pionieri del volontariato carcerario a Perugia. Tra le mura domestiche, iniziano ad accogliere, in sintonia con le pubbliche istituzioni, familiari di detenuti ed ex detenuti. Dal 1984, su proposta dell’arcivescovo Cesare Pagani, proseguono l’opera a Montemorcino, in un’apposita struttura di accoglienza, per le persone nel bisogno; condividono con altri operatori l’esperienza di prossimità e solidarietà. L’esperienza cresce tanto da dar corpo, voluta dall’Arcivescovo, all’Associazione Perugina di Volontariato. Aldo e Luigina, vivaci antieroi di santità quotidiana, scompaiono in sordina: lei nel 1998, lui nel 2002. La loro eredità continua nelle opere segno diocesane e regionali.

Preghiera

O Dio, Padre amorevole, tu puoi soltanto amare, e gratuitamente, da sempre e per sempre, ami ogni tua creatura. Fà che crediamo al tuo amore! Quando, per i nostri sbandamenti umani, ce ne andiamo lontano da casa, facci ricordare che Tu sempre ci attendi a braccia spalancate per farci riposare sul tuo Cuore. Amen

Impegni

Fare della propria libertà una condizione di amore ed impegno nella verità, per una vita bella. Rispettare nell’amore la libertà di scelta di ognuno, conservando la speranza del bene

 

 

Pubblicato in HomepagePost, Parola e Vita