5° Quaresima/C (07-04-2019) – Cattedrale di San Lorenzo – Perugia – Chiamati alla santità (Papa Francesco, Gaudete et exsultate)

«Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia».

80. La misericordia.. è dare, aiutare, servire gli altri e anche perdonare, comprendere. Matteo riassume questo in una regola d’oro: «Tutto quanto vorrete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro» (7,12).. 81. Dare e perdonare è tentare di riprodurre nella nostra vita un piccolo riflesso della perfezione di Dio, che dona e perdona in modo sovrabbondante. Nel vangelo di Luca non troviamo «siate perfetti» (Mt5,48), ma «siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso. Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati; date e vi sarà dato» (6,36-38). Luca aggiunge qualcosa che non dovremmo trascurare: «Con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio» (6,38). La misura che usiamo per comprendere e perdonare verrà applicata a noi per perdonarci. La misura che applichiamo per dare, sarà applicata a noi nel cielo per ricompensarci… 82. Tutti noi siamo un esercito di perdonati. Tutti noi siamo stati guardati con compassione divina. Se ci accostiamo since-ramente al Signore e affiniamo l’udito, probabilmente sentiremo qualche volta questo rimprovero: «Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?» (Mt 18,33). Guardare e agire con misericordia, questo è santità.

I santi della porta accanto

Federica Rinaldi, nasce a Montone nel 1970, muore in Valtellina  nel 2008. Soffre dalla nascita di una grave malattia degenerativa. Consapevole sin da bambina di aver poco tempo da vivere, non si arrende mai, desiderando donarsi agli altri nonostante la paura della morte. Gli ultimi otto anni di vita li trascorre a Chacas in Perù servendo i poveri: ama insegnare ai bambini peruviani le preghiere in latino, la musica (è sassofonista diplomata al conservatorio di Perugia); le piace accudire gli anziani e fare i mestieri semplici di casa. Tornata in Italia, per i poveri lavora facendo le pulizie nei supermercati e l’inserviente negli alberghi. Prima di morire lascia tutti i suoi averi, compreso il ricavo della vendita dei due suoi amati sassofoni, a chi aveva bisogno.

Preghiera

Signore Gesù, donaci la capacità di entrare nel tuo cuore misericordioso, per imparare che solo la misericordia può portare alla giustizia di una vita rinnovata dall’amore. Signore, donaci il tuo Spirito per scoprire il peccato dentro di noi, per combattere nel nostro cuore la battaglia più difficile, quella fra la tentazione di metterci al tuo posto, nel momento del giudizio finale, e la scelta coraggiosa e liberante di essere misericordiosi come Tu ci hai insegnato e testimoniato.

Impegni

Perdonare, per ricostruire relazioni sane e donare speranza

Pubblicato in HomepagePost, Parola e Vita